CULTURA Incontri         Pubblicata il

Il giorno della Memoria - nota e poesia sul giorno della Memoria di Pasquale Zolla




La memoria è determinante perché chi non sa ricordare il passato è condannato a ripeterlo, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono essere sedotte ed oscurate, anche le nostre, da falsi problemi etnici o religiosi o politici dimenticando che noi siamo la nostra memoria, che noi siamo questo museo chimerico di forme in costanti, questo mucchio di specchi rotti.

Guardare indietro è rinnovare i nostri occhi, risanarli. Renderli più adeguati alla loro funzione primaria: guardare avanti ma rivolti al passato.

Ricordiamo questa giornata arricchendoci interiormente in modo da concepire i sentimenti, i valori, gli ideali, la vita, la morte e soprattutto l’anima, quella parte che difficilmente si può comprendere a parole.

Le guerre negano la memoria dissuadendoci dall’ndagare sulle loro radici, finché non si è spenta la voce di chi può raccontarle: una forza che questo giorno ne è pieno.

Raccogliamo questo giorno nel cuore e portiamolo con noi con una preghiera: MAI Più DISCRIMINAZIONI E ECCIDI!



U jurne d’a mammòrje

U jurne d’a mammòrje ce sèrve
p’arrekurdà ka d’i ‘rrure è ‘trucetà
kòndre i deskremenazjune spisse
seme state nuje stèsse i aùture
sènza ce rènne kunde pekkè maje
avezame ‘a vòcia nòstre è kka spisse,
pe kumudetà ò ‘ppurtunisme,
ce naskunnime nd’a ndeffrènze.
Arrekurdamece, ògge, de kuande,
sapènne è ssendènne ‘a mòrte
avvecine, ‘a senzazjòne hanne avute
ka u kambà lóre s’apputéve strènge
dind’u punje de ‘na mane, akkume
a nu fjóre, akkume a ‘na nuvele,
akkume a ‘na frònne ka kade
da n’areve ò akkume a ‘na òcce
k’allassakrése mbònne ‘a facce
anzime a ‘na lagreme de chjande!

Il giorno della memoria
Il giorno della memoria ci serve
per ricordare che degli orrori e atrocità
contro le discriminazioni spesso
siamo stati noi stessi gli autori
senza renderci conto perché mai
alziamo la nostra voce e che spesso,
per comodità o opportunismo,
ci nascondiamo nell’indifferenza.
Ricordiamoci, oggi, di quanti,
sapendo e sentendo la morte
vicina,hanno avuto la sensazione
che la loro vita si poteva stringere
nel pugno di una mano, come
un fiore, come una nuvola,
come una foglia che cade
da un albero o come una goccia
che all’improvviso bagna il volto
insieme ad una lacrima di pianto!

Pasquale Zolla

Fotogallery n.
Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic