CULTURA Poesie         Pubblicata il

Il colore dell’inverno: la fantasia. Di Pasquale Zolla




L’inverno non è come l’estate che vola via e sembra così divertente e allegra; non lo è perché il sole è sempre di corsa e lascia tutti con l’amaro in bocca. Non pretende di confortare, ma è consolante, perché ci fa raggomitolare su se stessa e ci protegge, osserva e riflette. L’inverno è il tempo del conforto, del buon cibo, del tocco di una mano amica e di una chiacchierata accanto al fuoco: è il tempo della casa. In primavera, estate e autunno le persone vivono in una sorta di stagione aperta gli uni accanto agli altri; solo in inverno si possono avere momenti più lunghi e tranquilli in cui gustare l’appartenenza a se stessi. In inverno ci si raggomitola intorno ad un buon libro e si sogna tenendo lontano il freddo. E come i semi sognano sotto la neve, il cuore sogna la primavera. Il colore della primavera è nei fiori; il colore dell’inverno è nella fantasia.

Virne: ’a nature tòrne ò kambà sèmblece

I jurnate de virne kòrte sònne;

‘a sére è u matine se kumbònnene,

ògnèkkòse nègghje è kkalate d’u sóle

sònne. U cile nu speragghje éje,

akkume ‘a ndére jurnate éje

‘na kandine: u sóle, ‘na fajìlle

ndesate ndra skurde è skurde, téne

l’arje de nu pòvre krestjane. U virne

nda préte kagne l’akkue d’u cile

è l’alma mìje ka, akkum’a semènde,

besugne have d’a fatike mbraskate

de sta stagiòne. ‘Na resevratèzze stace

ka nesciunaveta stagiòne me dace.

Nd’u munne de virne sènza kambà

‘a néve ògnèkkòse janghejéje:

l’areve kukkuvajèjene sòtte

u piseme suje è i jummare

nzakkate dind’a mòrze d’u kitre.

Vuce akkussì bèlle nze sèndene

maje akkum’a kuille de ‘na sére

de virne, kuanne ‘a kalate d’u sóle

kuase ammòcce u kurje, è i paróle

assemègghje ka da ‘na ‘ssènze vènene

de kòre a kòre arraramènde

sendute addurante ‘a jurnate.

‘A semblecetà d’u virne téne

‘na prufònna murale: u returne

d’a nature, dòppe ‘na bèlla stagiòne

de dà a mane apèrte è de sblennòre,

è mude de fà sèmblece è ssevére.

Si u virne ne ndenèsseme, ‘a premavére

akkussì chjéne de pjacére ne nzarrìje;

si kakkèvvóte ne mbruvarèsseme

kòse kundrarjòse, u benèssere

akkussì bune akkute ne nzarrìje.

 

Inverno: la natura torna alla vita semplice

Le giornate d’inverno sono brevi;

la sera e il mattino si confondono,

tutto nebbia e crepuscolo

è. Il cielo è uno spiraglio,

come l’intera giornata è

una cantina: il sole, una scintilla

stesa tra buio e buio, ha

l’aria di un povero cristiano. L’inverno

cambia in pietra la pioggia

e il mio animo che, come seme,

ha bisogno del lavoro nascosto

di questa stagione. C’è una riservatezza

che nessun altra stagione mi dà.

Nel mondo senza vita d’inverno

la neve tutto imbianca:

gli alberi gemono sotto

il suo peso e i fiumi

rappressi nella morsa del gelo.

Voci così belle non si sentono

mai come quelle di una sera

d’inverno, quando il tramonto

quasi nasconde il corpo, e le parole

sembrano provenire da un’assenza

di intimità raramente

sentita durante il giorno.

La semplicità dell’inverno ha

una profonda morale: il ritorno

della natura, dopo una bella stagione

di prodigalità e di splendore,

alle abitudini semplici e austere.

Se non avessimo l’inverno, la primavera

così piacevole non sarebbe;

se qualche volta non provassimo

le avversità, la prosperità

non sarebbe così gradita.

Pasquale Zolla

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic