CULTURA Poesie         Pubblicata il

Nota e poesia sulla Befana da Pasquale Zolla




La Befana

La Befana è una figura folcloristica legata alle festività natalizie.

Si tratta di una donna molto anziana che vola su una logora scopa per far visita ai bambini nella notte tra il 5 e il 6 gennaio e riempire le calze appese al camino o vicino a una finestra.

I bambini che durante l’anno si sono comportati bene riceveranno dolci, caramelle, frutta secca o piccoli giocattoli. Invece coloro che si sono comportati male troveranno le calze piene di carbone.

L’origine è da connettere ai riti propiziatori pagani, risalenti al X/VI secolo a.C., in merito ai cicli stagionali legati all’agricoltura.

Gli antichi romani ereditarono tali riti, associandoli al loro calendario e celebrando l’interregno temporale fra la fine dell’anno solare, il solstizio d’inverno, e la ricorrenza del Sol Invictus. La dodicesima notte dopo il solstizio d’inverno si celebrava la morte e la rinascita  della natura attraverso Madre Natura. I romani credevano che in quelle dodici notti delle figure femminili volassero sui campi coltivati per propiziare la fertilità dei futuri raccolti, da cui il mito della “donna volante”.

Un’altra ipotesi collega la Befana con un’antica festa romana, che si svolgeva sempre in inverno, in onore di Giano e Strenia, durante la quale si scambiavano regali.

A partire dal IV secolo d. C. la Chiesa roamana cominciò a condannare tutti i riti e le credenze pagane definendole frutto di influenze sataniche, ma l’antica figura pagana femminile fu accettata, col passar del tempo, dal cattolicesimo come sorta di dualismo tra il bene e il male.

Nel 1928 il regime fascista introdusse la festività della Befana fascista, dove venivano distribuiti regali ai bambini meno abbienti.

Ai giorni nostri innumerevoli sono le rappresentazioni della Befana e le feste a lei dedicate. La tradizione la vuole vecchia, ad indicare il finire d’un ciclo: con il solstizio d’inverno si passa dal vecchio al nuovo, dal freddo e dalle notti interminabili all’allungarsi del periodo di luce.

Felice Befana a  tutte le donne del mondo!


‘A Bèfane mìje

A Dìje agghje addummannate

l’akkue è u mare m’ha dunate;

‘a lustre l’agghje addummanate

è u sóle m’have arrjalate;

l’agghje addummannate d’akkanòsce

‘a Bèfane è m’ha fatte akkanòsce

tè. Mò nde uffennènne si te dènghe

d’a Bèfane, ammòre mìje, pekkè

te stènghe decènne ka sì pemmè

nu brellòkke d’u cile de bellizze

è dde grazje. Pettande aùrje a tè,

ammòre mìje, ka, ke ‘na sèmblece

ramazze, arrjìsce a skupà vìje

tuttekuande i prubléme. Mò te préje:

nen me facènne truà nd’a kavezètte

nè rjale è nnè pupazzarille,

ma vase, mujìne, mumènde ka nze

skòrdene maje è i kelure

de l’ucchje tuje ka me dicene

ke kalòre: Tuttekuande u mìje

ammòre surtande pettè ghéje!

 

La mia befana

Ho chiesto a Dio

l’acqua e il mare mi ha donato;

ho chiesto la luce

e il sole mi ha donato;

gli ho chiesto di conoscere

la Befana e mi ha fatto conoscere

te. Ora non ti offendere se ti do

della Befana, amore mio, perché

ti sto dicendo che sei per me

una stella di bellezza

e di grazia. Pertanto auguri a te,

amore mio, che, con una semplice

scopa, riesci a spazzare via

tutti i problemi. Ora ti prego:

non mi far trovare nella calza

né regali e né balocchi,

ma baci, carezze, momenti

indimenticabili e i colori

dei tuoi occhi che mi dicono

con calore: Tutto il mio

amore è solo per te!

Pasquale Zolla

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic