CULTURA Poesie         Pubblicata il

Capodanno: Cassetti che si chiudono e subito si riaprono. Poesia di Pasquale Zolla




Si chiudono i cassetti del 2017: pensieri, speranze, sogni, accatastati alla rinfusa in mezzo a cianfrusaglie, bigliettini,  cose da ricordare, idee e quant’altro.

Quello che la gente ancora non impara è che dare è molto più importante che prendere, perché è nel donare che si crea quel circolo virtuoso grazie al quale noi tutti riusciamo a divenire migliori.

I sorrisi non costano niente, un gesto gentile non pesa, rispondere ad una domanda posta con garbo è qualcosa di bello ed anche entusiasmante, perché permette di condividere con qualcuno le cose per le quali ci appasioniamo e magari riuscire ad accendere in lui una scintilla di passione.

Quello che voglio augurare al mondo intero quest’anno è un’infinità di cassetti da riempire e svuotare continuamente, piccoli scrigni senza ante dove il mondo possa sostare solo un po’, affinché ci appaghi, ma che poi sfugga via, più bello, perché intriso di noi, verso altri, verso il mondo, affinché la conoscenza, la cultura, la passione, la gioia di fare le cose che amiamo, si diffondano come polline profumato capace di rendere fertili altre menti che vivono nel buio dell’indifferenza.

FELICE 2018 A TUTTI!

Bune Anne Nuve

Bune Anne Nuve è kumbagne

dind’i kuale sènza resèrbe kundà

pòzze; a ki sèmbe stace nd’u mumènde

d’u besugne;  a ki maje ne nze skòrde,

manghe ‘na vóte, de perdunà i ‘rrure

mìje; a ki sèmbe ce stace, nunustande

i ‘rrure; a ki ‘na rerute me dace,

appure si nd’u kòre delòre pròve;

a ki jendelèzze m’aùse senze s’aspettà

ninde ngagne; a ki aùse amà,

rire, sperà è mme nzènghe a u fà.

Bune Anne Nuve a ki face kòse

nòve, pròve kòse, nòve mbaranne,

kambanne, kagnanne sé medèsme

p’u munne kagnà. Bune Anne Nuve

a mè, a tè, a vuje tuttekuande pekkè

l’Anne Nuve ce pòzza dà ‘na nòva

alme, nu kure nuve, ‘na vòkka nòve,

nase nuve, pite nuve, rècchje nòve,

penzire nuve, nu mude nuve de kambà,

appure si sapime ka maje rjartà,

dind’i mise a venì, addevendarranne!

 

Buon Anno Nuovo

Buon Anno Nuovo agli amici

nei quali senza riserva contare

posso; a chi c’è sempre nel momento

del bisogno; a chi non si scorda mai,

neppure una volta, di perdonare gli errori

miei; a chi c’è sempre, nonostante

gli sbagli; a chi mi sorride,

anche se nel cuore prova dolore;

a chi mi usa gentilezza senza aspettarsi

nulla in cambio; a chi sa amare,

sorridere, sperare e mi insegna a farlo.

Buon Anno Nuovo a chi fa cose

nuove, prova cose nuove, imparando,

vivendo, cambiando se stesso

per cambiare il mondo. Buon Anno Nuovo

a me, a te, a voi tutti perché

l’Anno Nuovo ci possa dare una nuova

anima, un nuovo cuore, una bocca nuova,

naso nuovo, piedi nuovi, orecchie nuove,

pensieri nuovi, un nuovo modo di vita,

anche se sappiamo che mai realtà,

nei mesi a venire, diventeranno!

Pasquale Zolla

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic