CULTURA Poesie         Pubblicata il

Natale: Festa delle feste - Nota e poesia di Pasquale Zolla




"Apparve la bontà di Dio e il suo amore per gli uomini!"

Dio che appare come bambino in una mangiatoia piena di fieno, con il bue e l'asinello che lo riscaldano, è una certezza d'amore che ci viene donata a Natale.

Un Dio che si contrappone ad ogni violenza e porta un messaggio di pace, anche se il mondo è continuamente minacciato dalla violenza in quasi tutti i paesi del mondo, da aguzzini senza fede né religione che accendono fuochi che portano distruzioni e morte di innocenti proprio in nome di quel Dio che è pace e amore.

Un Dio che si fa povero e diventa prossimo per tutti coloro che vivono in povertà, nel dolore, nella condizione di migranti, nella solitudine affinché appaia loro un raggio della Sua bontà; affinché tocchi tutti noi quella bontà che, con la nascita del suo Figliolo in una stalla, ha voluto donare al mondo.

Il Natale ci investe di un mandato che non si può delegare a nessuno: amare e servire i fratelli!

E Papa Francesco, qualche anno fa, lo ha ben evidenziato quando ha testimoniato che "essere cristiani è un rapporto vitale con la persona di Gesù, è rivestirsi di lui, è assimilazione di lui!.... Non si può essere cristiani di pasticceria, come belle torte, come belle cose dolci.... Magari belli a vedersi, ma sterili!"

E queste parole dovrebbero essere condivise anche da coloro che praticano altre religioni o sono atei!


Natale: Dìje akkum'a bòmmine ce akkumbare

Natale: Dìje akkum'a bòmmine 

ce akkumbare è a nuje se mòstre

akkum'a Kuille ka bène ce vóle

è ppemmizze d'u kuale l'ammòre

vènge putarrà, si anzime a Isse

ubrature de pace sime. Natale

éje 'a befanìje p'u akkumbarì

de Dìje è dd'a granne lustra suje

nda nu bòmmine ka nasce pe nuje

nò nd'i kase d'i rè, ma nda 'na stalle,

besugnuse d'u ammòre d'i krestjane

de karne è ussere, nda kundezjòne

d'addummannà l'ammòre lòre. Ògge

si se vóle truà u Dìje kumbarze

bòmmine abbesugna mètte da parte

i nòstre faveze certèzze, 'a nòstra

supèrbje d'u ndellitte è nzeguì u jì

vèrze kuèlla uteme semblecetà

fóre è dinde de nuje ka rènne

u kòre è l'alme akkapace de vedè.

Natale: Dio come bambino ci appare

  Natale: Dio come bambino

ci appare e si mostra a noi

come Colui che ci ama

e mediante il quale l'amore

potrà vincere, se insieme a Lui

operatori di pace siamo. Natale

è epifania per il manifestarsi

di Dio e della sua grande luce

in un bambino che nasce per noi

non nei palazzi dei re, ma in una stalla,

bisognoso dell'amore delle pesone

umane, in condizione

di chiedere il loro amore. Oggi

se si vuole trovare il Dio comparso

bambino bisogna deporre

le nostre false certezze, la nostra

superbia intellettuale e seguire il cammino

verso quell'estrema semplicità

esteriore ed interiore che rende

il cuore e l'animo capace di vedere.

Pasquale Zolla

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic