CULTURA Poesie         Pubblicata il

Autunno: ogni foglia è fiore - nota e poesia sull'autunno da Pasquale Zolla




Autunno: ogni foglia è fiore

L'autunno è il momento dell'anno dove la morente estate lascia spazio al freddo.

I primi venti che sfiorano gli alberi lasciano cadere le foglie come piccoli batuffoli di cotone.

È la stagione del giallo, del rosso e dell'arancione perché le piante impongono i propri colori e lo rendono caratteristico.

Il colore delle foglie invia alla natura segnali forti e chiari: è nel contempo un malinconico addio ai lunghi giorni d'estate e un monito per ricordare che il lungo e gelido inverno si avvicina a grandi passi.

I colori delle foglie d'autunno rappresentano uno spettacolo naturale unico che accende il paesaggio di mille sfumature e genera un senso di armonia e calore.

Ma se è vero che l'autunno fa cadere le foglie e piega i rami degli alberi, è pur vero che al plurale, gli autunni piegano i tronchi e fanno passare le voglie.

 


'A stagiòne d'a mòrte dóce

U 'vetunne 'a stagiòne éje

andò ògnèkkòse sckuppjéje

ke i uteme bellizze suje,

akkume si 'a nature se fusse

sparagnate tuttekuande l'anne

p'u granne fenale. Éje rusce

akkume 'a 'mmòre, jalligne

akkume u sóle angòre kavete,

rangiòne akkume è kalate d'u sóle

appecciate ò' fernèsce d'a jurnate,

purpurje akkume i ranille

d'uve da rusukà. U mumènde

idjale éje pe tenè kunde

de kuille k'avime è nn'avime

fatte è dde kuille ka vulime

fà a l'anne ka véne. L'areve

ka chjagnene tutte i lagreme

lòre frònne a frònne parene

akkume si 'a nature se léve u piseme

nda n'addìje ka u sóle, appéne

arretòrne 'a sblènne pe kakkè

jurne nd'a stagiòne de Sammartine,

assemègghje vulè allungà

nda 'na lèmmalèmme agunìje

pe u kunzumà sènza angusce

è ssènza schjande. U 'vetunne éje

megghjuraminde ètèrne; éje

maturazjòne è éje kelòre;

éje 'a stagiòne d'u sulènzje

arretruvate, d'a kavete sulagnèzze,

d'a medetazjòne è dd'i grazjune.

Èje u sinze d'a mòrte dóce:

skumbarì tra kelure ka nz'arrepètene!

 

La stagione della morte dolce

L'autunno è la stagione

in cui tutto esplode

con la sua ultima bellezza,

come se la natura si fosse

risparmiata tutto l'anno

per il gran finale. È rosso

come l'amore, giallo

come il sole ancora caldo,

arancione come i tramonti

accesi al finire del giorno,

porpora come i granelli

d'uva da sgranocchiare. Il momento

ideale è per tenere conto

di ciò che abbiamo e non abbiamo

fatto e di quello che vorremmo

fare il prossimo anno. Gli alberi

che piangono tutte le lacrime

loro foglia a foglia sembrano

come se la natura si sgravasse

in un addio che il sole, appena

ritorna a splendere per qualche

giorno nell'estate di San Martino,

sembra voler prolungare

in una lenta agonia

per consumarlo senza angosce

e senza schianti.L'autunno è

miglioramento eterno; è

maturazione ed è colore;

è la stagione del silenzio

ritrovato, della calda solitudine,

della meditazione e della preghiera.

È il senso della morte dolce:

sparire tra colori irripetibili!


Pasquale Zolla

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic