CULTURA Poesie         Pubblicata il

4 Novembre: giornata della memoria dei caduti per l'Unità d'Italia




Il 4 Novembre si celebra la giornata dell'unità nazionale e delle forze armate, una festa molto sentita fino a qualche decina di anni fa e che oggi è meno nota; è l'anniversario del cosidetto armistizio di Villa Giusti del 1918, firmato a Padova il 3 novembre di quell'anno, da Italia e Impero austro-ungarico.

L'Italia all'epoca era alleata con la Triplice Intesa, formata da Francia, Russia e Regno Unito.

Le trattative per l'armistizio erano cominciate qualche giorno prima, il 29 ottobre, durante la battaglia di Vittorio Veneto: l'ultimo scontro armato tra l'Italia e l'Impero austro-ungarico.

L'Italia si vide riconoscere il Trentino, l'Alto Adige, l'Istria e Trieste, ma non la Dalmazia e la Libia.

Il 4 Novembre si celebra, comunque, non solo la giornata dell'unità nazionale per l'annessione di Trento e Trieste al regno d'Italia, ma anche la giornata delle forze armate, poiché quei giorni del 1918 vennero dedicati alle onoranze funebri per i soldati morti in guerra.

È l'unica festa nazionale che sia stata celebrata dall'Italia prima, durante e dopo il fascismo: è stata istituita nel 1919 ed è durata fino al 1976; dal 1977, dopo la riforma del calendario volta ad aumentare i giorni lavorativi, si cominciò a festeggiare nella prima domenica di novembre.

Le persone di buona volontà, in detto giorno, si rechino dinanzi alle lapidi che ricordano coloro che furono assassinati per deporre un fiore o una preghiera e impegnarsi a contrastare le guerre presenti e future.

Per i giovani il 4 Novembre sia una pagina di storia che merita meditazione!


U jurne k'arrekòrde i murte p'u Trekulóre

U kuatte nuvèmbre se celebréje

'na date tra i chjù memurabele

d'a stòrje d'Italje, ka ci'arrekòrde

'a pròve fòrtassaje k'have fatte

u pòple 'taljane p'arrjunì a' Patrje

i tèrre 'taljane anzeggellanne,

k'u sanghe d'òtre séjecindemila

murte, 'a 'ndepennènze è 'a unetà

d'u Pajése nustre. Arrekurdéje

i juvene sènza manghe 'na pavure

ka kumbattìjene p'aunì l'Italje

è ppe kunghestà 'na rjartà nda kuje

s'arrekanòsce è kambà nda lebertà;

arrekòrde i murte p'u Trekulóre

ka sèmblece nzègne de State nenn'éje.

Éje 'na bannire de lebertà

kunghestate da nu pòple ka se sape

aùnute, ka tróve  'a ndenderetà

suje dind'i prengipje de tatucce,

de ùuagghjanze, de justizje nd'i valure

d'a pròbbeta stòrje è cevertà. Ògge

aùnurame i murte de tutt'i uèrre

è u rekurde d'u sagrefice lóre

'n'nevedènzje mètte 'a 'sperazjòne

a addefènne 'a pace ke mbègne

fòrte fòrtassaje è ssengére.


Il giorno che ricorda i caduti per il Tricolore

Il 4 Novembre si celebra

una data tra le più memorabili

della storia d'Italia, che ci ricorda

la prova durissima che ha fatto

il popolo italiano per riunire alla Patria

le terre italiane sigillando,

con il sangue di oltre seicentomila

morti, l'indipendenza e l'unità

del nostro Paese. Ricorda

i giovani coraggiosi

che combatterono per unire l'Italia

e per conquistare una realtà nella quale

riconoscersi e vivere in libertà;

ricorda i morti per il Tricolore

che non è semplice insegna di Stato.

È una bandiera di libertà

conquistata da un popolo che si riconosce

unito, che trova l'identità

sua nei principi di fratellanza,

di uguaglianza, di giustizia nei valori

della propria storia e civiltà. Oggi

onoriamo i morti di tutte le guerre

e il ricordo del loro sacrificio

esalti l'ispirazione

a difendere la pace con impegno

molto deciso e sincero.


Pasquale Zolla

Torna indietro
Stampa
© Lucerabynight.it e una realizzazione mediaweb-grafic